Il Weblog online della cittŕ di Calvi Risorta
Politica:

A CHI TOCCA PRENDERE PROVVEDIMENTI DOPO LE SEGNALAZIONI DI ILLEGALITĂ€ DIFFUSE?

Calvi Risorta: A chi tocca prendere provvedimenti dopo le segnalazioni di illegalitĂ  diffuse?

Calvi Risorta: Un altro problema che salta subito agli occhi di tutti, sta nel fatto che nel marasma amministrativo - organizzativo in cui si dibatte la maggioranza comunale fin dai primi albori della stessa, risulta difficile individuare qualche responsabile che possa legittimamente procedere nella relativa azione amministrativa. Ci si crogiola nella convinzione che quell’azione spetti ad altri e non a me, inutilmente ed erroneamente, perché poi sarà il giudice a stabilire le responsabilità, né sarà possibile affermare di non sapere, visto che il nostro giornale da giorni sta mettendo a fuoco il problema (scripta manent, verba volant!). Dopo la nostra dettagliata denuncia, ci chiediamo adesso chi dovrà essere a chiudere la polivalente, visto che la stessa è sprovvista di ogni forma di autorizzazione e di agibilità e addirittura non risulta neanche accatastata. Ci chiediamo anche chi dovrebbe revocare l’affidamento, di cui non risulta documento scritto, alla società sportiva privata che oggi utilizza la struttura per la scuola di palla a canestro, con un costo di 35 euro al mese per ogni singolo iscritto. Abbiamo scoperto, nel leggere le delibere di incarichi a funzionari esterni, che a Calvi Risorta, fino allo scorso 31 dicembre 2018, era stato nominato, come supporto tecnico al responsabile del settore UTC (incarico ricoperto ad interim dalla segretaria comunale), uno studio ingegneristico associato che fa capo all’ingegnere Filippo Virno, per un costo di tremila e cinquecento euro per poco più di un mese di attività. Ad oggi ignoriamo se il tecnico, che dovrebbe occuparsi esclusivamente dell’area dei lavori pubblici, sia stato o meno confermato, visto che sul sito istituzionale del comune i documenti e le delibere vengono pubblicati con ritardi che arrivano anche a diversi mesi (in un prossimo articolo parleremo in dettaglio proprio di questo “problema”). Insomma, chi dovrebbe far sloggiare dal sito la società sportiva che attualmente utilizza la polivalente, non sapendo neanche a quale titolo? Forse i caschi bianchi al comando del comandante Dr. Fabio Remino? Oppure direttamente il sindaco Lombardi tra una pausa e l’altra del volontariato in ospedale? O addirittura i Carabinieri, interessati a salvaguardare i ragazzini in pericolo, in una struttura che non ha alcuna autorizzazione né per restare aperta, né tantomeno per essere utilizzata? E l’avere concesso eventualmente l’utilizzo dello stabile solo a porte chiuse, non servirebbe a sollevare da responsabilità l’amministrazione in un caso malaugurato di incidente. Eppure stiamo parlando della stessa struttura (Polivalente) dove qualche settimana fa, dopo la nostra segnalazione, si è dovuto revocare in fretta e furia la disponibilità per uno spettacolo teatrale. Noi vogliamo bene a Calvi Risorta, ma vogliamo anche fare un’informazione corretta, portando all’attenzione delle autorità amministrative, attive e di controllo, eventuali illegittimità. Noi vorremmo solo che la nostra bella cittadina venisse ben amministrata a prescindere da chi sia a farlo, ma che lo facesse in modo da garantire la massima trasparenza, cosa che attualmente, con l’amministrazione targata Lombardi, succede molto raramente. Se la Polivalente di via Cales fosse in regola, andrebbe inoltre emanato un bando di partecipazione a tutte le società sportive del territorio, ma visto che non lo è, si preferisce aggiudicarla a chi pare a loro, senza gara e senza alcun documento scritto (o quantomeno senza pubblicazione di quest’ultimo). Poi veniamo noi, quelli della stampa scomoda a dire che se oggi la società sportiva che usufruisce della polivalente non può stare in quei locali, il comune non può fare orecchie da mercante: ci sarà pure qualcuno al comune in grado di capire che, fino a quando non si provvederà a regolarizzare il tutto, quei locali non possono essere utilizzati. Se poi Calvi Risorta è la Repubblica delle banane, dove vige una legge diversa da quella italiana, ce lo dicano chiaramente, così eviteremo di fare informazione. Nel frattempo, prima che venga emanato qualche editto reale, invitiamo i Carabinieri, la Polizia Locale, i Carabinieri Forestali e chiunque altro preposto al controllo del territorio a controllare e garantire che queste cose non abbiano più ad accadere.

02/01/2019 17:46:45   80.116.203.49 - Vito Taffuri

Stampa articolo


News correlate all'argomento
BASTA CON LA VECCHIA POLITICA, DIAMOGLI UN CALCIO NEL SEDERE LIBERIAMO CALVI RISORTA PER IL BENE COMUNE
Chi sbaglia deve essere onesto, quantomeno con se stesso, e
Calvi Risorta: Tari, scoppia la protesta. La cittadinanza sospende i pagamenti e avvia una assemblea in piazza
Fioccano le cartelle della Tari, la tassa dei rifiuti e con
TERRIBILE INCIDENTE. Donna 47enne si ribalta con l’auto mentre raggiunge la sua famiglia per il pranzo di Natale. Corsa all’ospedale
Una donna di Alife, S.G., 47 anni, è rimasta vittima, questa
PREMIO LEGALITA’ E SICUREZZA 2015: A SPARANISE IL BOOM DI PRESENZE IN UNA SALA GREMITA IN OGNI ORDINE DI POSTO.
Un enorme successo in termini di pubblico e partecipazione a
PREMIO LEGALITA’ 2015 AL GENERALE SERGIO COSTA, AL COMANDANTE VINCENZO GATTA, AL GIORNALISTA SALVATORE MINIERI E A LUCA ABETE PER IL LORO IMPEGNO A SALVAGUARDIA DELLA SALUTE PUBBLICA NEL SEGNO DELLA LOTTA ALLE ECOMAFIE
Premio Nazionale LegalitĂ  e Sicurezza Pubblica in Campania e
La classe III C della scuola secondaria “Cales” vince il 1° premio del concorso nazionale “Diventare cittadini europei”
L’8 maggio 2015, scorso nella Sala degli Specchi della Reggi
MARROCCO RICORDA I CADUTI CALENI, INTERVENUTI I GIOVANI DELLE SCUOLE CALENE
L’amministrazione Civica capeggiata dal Sindaco Giovanni Mar
MENA CARANCI SI DISSOCIA DALLE DICHIARAZIONI FATTE DAI COMPONENTI DELLA LISTA
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Mena Caranc
SARA’ PREMIATO E RICORDATO IL CACCIATORE DEI LATANTI DELLA SEZIONE CATTURANTI DELLA QUESTURA DI PALERMO, MARIO BIGNONE
Mario Bignone era il capo della Catturandi della Questura di
Tutto pronto per il Premio Nazionale Legalità “Città di Calvi Risorta”
Conto alla rovescia. Mancano solo 16 giorni all’evento piu’
Calvirisortanews.it è tutelato dalle leggi sul Copyright © 2006-2008 accesso riservato