Politica:
Calvi Risorta: CALVI RISORTA: SALGONO A QUATTRO I CONTAGIATI E LOMBARDI SI OSTINA A NASCONDERE I DATI UFFICIALI.

CALVI RISORTA: SALGONO A QUATTRO I CONTAGIATI E LOMBARDI SI OSTINA A NASCONDERE I DATI UFFICIALI.

Calvi Risorta: Salgono i contagiati da tre a quattro poi scendono e passano di nuovo a tre con un guarito. La cosa che più ci preoccupa, però, è che si parla di un numero molto elevato di persone messe in quarantena fiduciaria e un numero altrettanto considerevole di quelle in isolamento domiciliare. Il sindaco di Calvi Risorta, dott. Giovanni Lombardi, nonostante questi numeri allarmanti, continua a non divulgare il numero preciso di queste persone, un esercito di sconosciuti. Eppure la direzione dell’Asl di Caserta quotidianamente continua a fornire i dati ufficiali di tutte le persone che sono sia in quarantena, che in isolamento fiduciario volontario. Giovanni invece, imperterrito, continua a tenere nascosti questi dati che sono in suo possesso. Ne è prova che l’ultima contagiata si trovava già in quarantena e quindi era soggetto trattato sia dall’Asl, che dal comune di Calvi Risorta. Non riusciamo a capire bene il motivo della scelta di tenere deliberatamente disinformati i cittadini di Calvi Risorta, mentre gli altri sindaci dei comuni dell’agro caleno, emanano ogni sei ore un bollettino medico con tutti i dati forniti dall’asl senza tenere nascosto nulla. Basta guardare il lavoro di prevenzione messo in campo dai sindaci di Teano e Sparanise, che diffondono tutti i dati delle persone coinvolte. Invece, a Calvi Risorta, c’è un velo di omertà politica da parte della giunta comunale. Eppure sarebbe importante informare i cittadini, noi di Calvirisortanews gli abbiamo offerto tante volte la possibilità di replicare alle nostre dirette Facebook oppure essere nostro ospite dandogli tutto lo spazio che volevano per parlare sull’emergenza covid calvi risorta. Purtroppo però non abbiamo mai ricevuto riscontro, né una loro disponibilità ai nostri tantissimi inviti a partecipare. Nel frattempo, però chiediamo al sindaco di sospendere il mercato rionale del Venerdì per due motivi: il primo che da tempo non ci sono operatori della protezione civile a effettuare la misurazione della temperatura; e ora con la presenza di tre casi di contagio sarebbe meglio disporre la sanificazione delle strade dove si effettua il mercato e disporre qualche misura in più di contenimento degli assembramenti, tipo che avvengono ogni sera al parco caleno. Potrebbe essere una buona medicina per tutelare la salute pubblica.

11/09/2020 12:25:32   79.50.43.203 - Vito Taffuri