Cronaca:
Calvi Risorta: Avanza il Coronavirus a Calvi Risorta.

AVANZA IL CORONAVIRUS A CALVI RISORTA.

Calvi Risorta: Ad oggi, ammontano a tre i casi di Coronavirus a Calvi Risorta. Lo comunica il Sindaco Giovanni Lombardi, in attesa dell’esito di risposta degli esami a una docente della cittadina, che a un primo screening è risultata con valori alterati. Nel caso perciò gli esami risultassero positivi, i contagiati salirebbero a quattro. I primi tre si trovano già in isolamento domiciliare. Ma è inutile nascondere che la situazione è diventata preoccupante e bisognerà pertanto a continuare ad essere particolarmente prudenti nel condurre la nostra vita quotidiana, ricordandoci sempre di mantenere le precauzioni del distanziamento, dell’utilizzo della mascherina, dell’igiene delle mani e di evitare assembramenti. Questo pomeriggio il sindaco di Calvi Risorta ha emanato l’ordinanza sindacale n°32 del 03 settembre 2020, disponendo l’obbligo di l’isolamento fiduciario dei sospetti e dei contagiati fino alla ricostruzione minuziosa della catena dei rispettivi contatti, garantendo che i trasgressori dell’ordinanza saranno deferiti all’Autorità Giudiziaria ai sensi dell’art. 650 C.P, in caso di inadempienza a quanto disposto dal comune. Ci chiediamo però chi controllerà tutte le mattine dalle 05.30 fino alle 07.30 il transito dei tanti ragazzi del centro di accoglienza, che si recheranno in bicicletta al lavoro nei campi, invece di restare in isolamento fiduciario? Sull’ordinanza c’è specificatamente scritto che lo faranno i vari comandi di polizia presenti sul territorio. Sarà cos? C’è da sperarlo! Speriamo che questo ritorno di fiamma della pandemia venga bloccato a monte e che non nascano altri focolai che non inducano a farci diventare zona rossa. Sarebbe stato perciò opportuno, per una forma di prevenzione, di ordinare l’obbligo della mascherina anche all’aperto, ma soprattutto di effettuare controlli a tappetto nelle varie attività commerciali, atti alla verifica del rispetto delle regole Covid 19. Visto il momento difficile che stiamo passando, vorremo essere messi a conoscenza dal nostro amato sindaco sui risultai dei test rapidi effettuati nella casa comunale, dopo che è scoppiato il focolaio a Sparanise, quanti ne sono stati effettuati e soprattutto quanti positivi e negativi. C’è da dire infatti che questa amministrazione civica Lombardi, già nei mesi della pandemia ha fatto parlare di sé per aver gestito malissimo l’emergenza Covid 19, in quando non rendeva pubblici i dati ufficiali dati dall’Asl di Caserta, relativi ai soggetti in quarantene oppure in isolamento fiduciario. Ci pensò una segnalazione di Calvirisortanews a farlo, che portò l’immediata sospensione dei test rapidi tanto voluti dal sindaco, ma non autorizzati dal ministero della salute. Nonostante tutto, perché lo stesso ritornasse sulle sue strampalate decisioni, ci fu bisogno prima di una diffida dell’Asl e poi dell’Arma dei carabinieri della sezione NOE di Caserta. Solo così si fermò questa buffonata politica, dopo aver buttato letteralmente al vento settemila e trecento euro di soldi pubblici, fatto questo che qualcuno però ha provveduto a segnalare alla Corte dei Conti come danno erariale. E speriamo sempre che gli assembramenti mostruosi da noi continuamente segnalati nella Villa comunale del Parco Caleno, senza alcun riscontro o un minimo tentativo di risoluzione da parte dei questa disastrosa amministrazione, non ci porti nel prossimo futuro altre sconfortanti sorprese! E meno male che il nostro sindaco è anche uno stimato dottore!

04/09/2020 08:28:28   79.50.43.203 - Vito Taffuri