Politica:
Calvi Risorta: RIAPERTURA DEL CIMITERO: ORDINANZA ILLEGITTIMA DEL SINDACO LOMBARDI

RIAPERTURA DEL CIMITERO: ORDINANZA ILLEGITTIMA DEL SINDACO LOMBARDI

Calvi Risorta: In questi quasi 3 anni di amministrazione, i soggetti destinatari delle ordinanze emesse dal Sindaco Lombardi hanno spesso impugnato tali atti, proponendo ricorso al T.A.R. della Campania. Il risultato è stato l’annullamento delle ordinanze, dichiarate illegittime, con condanna del comune alle spese di giudizio. Oltre alle figuracce amministrative rimediate, con le sue ordinanze il Sindaco ha così buttato al vento almeno diecimila euro. E non parliamo di quando, con tre ordinanze sindacali, Lombardi ha appaltato un servizio comunale, per quasi 50.000,00 €, ad una ditta che, all’epoca del conferimento, era colpita da una informativa antimafia! Adesso ci risiamo, perchè ogni volta che il Sindaco mette mano ad una ordinanza fa un guaio. Questa volta si tratta della riapertura del cimitero comunale, che il Sindaco aveva chiuso con l’ordinanza n. 14 del 12/03/2020. Una scelta, quella della chiusura, non obbligata, ma rimessa alla discrezione dei singoli sindaci, tanto che molti comuni hanno preferito lasciare aperti i cimiteri, anche durante la “fase 1” dell’emergenza. Lunedì prossimo inizierà la cosiddetta “fase 2”, ed il Sindaco ha quindi deciso la riapertura del cimitero, dopo ben 53 giorni. Prima ancora di pubblicare la necessaria ordinanza, ha però pubblicato il solito post sul suo profilo facebook, che vi leggiamo:

“Si informa la cittadinanza che da lunedì 4/5/2020 fino a domenica 17/5/2020 il Cimitero Comunale, mediante apposita Ordinanza del Sindaco, riaprirà dal lunedì al sabato (unico giorno di chiusura settimanale domenica) dalle 8:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 19:00.
Allo scopo di rispettare le normative vigenti, l’ingresso al Cimitero sarà regolamentato con il seguente schema:

1) per i cittadini residenti nella frazione di PETRULO e Calvi Vecchia: lunedì e giovedì.
2) per i cittadini residenti nella frazione di ZUNI e Demanio di Calvi: martedì e venerdì.
3) per i cittadini residenti nella frazione di VISCIANO: mercoledì e sabato.
Si sottolinea che:
1) l’ingresso è consentito esclusivamente ai cittadini residenti nel comune di Calvi Risorta.
2) mascherina e guanti sono obbligatori.
3) all’interno non potranno sostare più di 30 persone e per il tempo strettamente necessario.
4) nel caso di maggiore affluenza, bisogna attendere il proprio turno all’interno dei propri autoveicoli.
5) in nessun caso è consentita alcuna forma di assembramento”.

Noi sappiamo che il Sindaco non ne fa una buona politicamente, ma siamo rimasti ugualmente sorpresi nel leggere questo comunicato. L’ordinanza sindacale, infatti, se sarà conforme a quanto annunciato dal primo cittadino, sarà nuovamente illegittima, oltre che contraria al buon senso. E vi spieghiamo il perché. Le ordinanze del Sindaco non possono mai essere in contrasto con le disposizioni dei D.P.C.M. emanati per disciplinare l’emergenza sanitaria, né in contrasto con le ordinanze regionali più restrittive rispetto a questi ultimi. Premesso che non vi è alcuna ordinanza regionale vigente in materia di cimiteri comunali, l’unico riferimento normativo che il Sindaco avrebbe dovuto verificare, prima di emettere la sua ordinanza di riapertura, è dunque il D.P.C.M. del 26 aprile 2020. Il D.P.C.M. in questione, all’articolo 1, comma 1, lettere d) ed e), dà al Sindaco soltanto due possibilità: o tenere aperto il cimitero, o tenerlo chiuso per evitare forme di assembramento. Non c’è alcuna via di mezzo e non sono possibili ingressi a numero chiuso, come quelli annunciati da Lombardi, che ha previsto un massimo di 30 persone all’interno della struttura. L’ordinanza che si accinge a firmare il nostro Sindaco sarebbe perciò illegittima, in quanto contraria al D.P.C.M. del 26 aprile 2020, e potrebbe essere tranquillamente impugnata al T.A.R. Il tutto viene confermato anche da una delle risposte date alle domande più frequenti sul D.P.C.M. del 26 aprile 2020, pubblicate il 2 maggio sul sito istituzionale del Governo Italiano. Alla domanda: “Posso andare al cimitero per omaggiare un caro defunto, anche al di fuori delle cerimonie funebri”, il Governo risponde: “Sì, è consentito spostarsi nell’ambito della propria regione per far visita nei cimiteri ai defunti, sempre nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro e del divieto di assembramento. Come per i parchi, anche nei cimiteri deve sempre essere rispettato il divieto di assembramento e, ove non fosse possibile evitare tali assembramenti, il Sindaco può disporne la temporanea chiusura”. Questo conferma che il Sindaco non può limitare l’ingresso al cimitero, peraltro tenendolo chiuso di domenica, e non può vietare l’ingresso ai cittadini non residenti, che hanno dei cari defunti nel cimitero di Calvi Risorta, impedendogli, dopo due mesi, di fare loro visita. Basta vedere al riguardo quanto ha disposto il vicino comune di Pignataro Maggiore, con il Sindaco Magliocca che, dal 4 maggio, ha riaperto il cimitero tutti i giorni, compresa la domenica, senza scaglionamenti e consentendo l’ingresso anche ai non residenti. Così, mentre i cittadini di Calvi Risorta potranno andare al cimitero di Pignataro Maggiore, quelli di Pignataro Maggiore non potranno entrare al cimitero di Calvi Risorta! Per fortuna, con un comunicato dell’ultima ora, il Sindaco è tornato sui propri passi relativamente a questo aspetto, annunciando che sarà consentito l’ingresso anche ai non residenti. La divisione degli ingressi per frazione, poi, è qualcosa di ridicolo. Ricordiamo al Sindaco che Zuni, Petrulo, Visciano, o il Demanio di Calvi e Calvi Vecchia, non sono frazioni, ma località di Calvi Risorta, con una connotazione storica e culturale, più che geografica. Come faranno i due dipendenti della Polizia Locale attualmente in servizio, peraltro non di Calvi Risorta, a disciplinare gli ingressi stabilendo chi è di Zuni piuttosto che di Petrulo? Abbiamo visto che l’ingresso scaglionato non è possibile, ma se proprio il Sindaco voleva fare una suddivisione, sarebbe stato logico farlo per iniziale del cognome, non per residenza in frazioni ufficialmente inesistenti. È un poco come se il Sindaco di Siena disciplinasse gli ingressi al cimitero a seconda della contrada di appartenenza. Quelli della Giraffa, del Drago e della Civetta entrano il lunedì; quelli della Lupa, del Bruco e dell’Aquila entrano il martedì, e così via! Altra cosa non di poco conto. Lo scaglionamento all’ingresso non può essere fatto dalla Protezione Civile o dalla ditta Parisi. Né l’associazione di volontari, né la ditta che ha in appalto la gestione del cimitero, possono infatti vigilare sull’osservanza di una ordinanza sindacale. Lo possono fare solo le forze di polizia presenti sul territorio. Ci ritroveremo dunque ad impegnare per 6 giorni a settimana, e per 8 ore al giorno, le pattuglie dei Carabinieri e della Polizia Locale al cimitero, per verificare se ci sono più di 30 persone, per dare i numeretti all’ingresso o per verificare se il tizio è residente a Calvi Risorta e se proviene dalla località di Zuni, Petrulo, Visciano, Demanio o Calvi Vecchia! Tutto questo a partire dal 4 maggio, quando i controlli andrebbero fatti per segnalare al Sindaco e alle ASL le persone rientrate da fuori regione, per consentirne i controlli ed eventualmente la messa in quarantena nei successivi 14 giorni. Ed infine, la disposizione di attendere il proprio turno all’interno dei propri autoveicoli, nel caso di una affluenza maggiore di 30, è in contrasto con l’ordinanza regionale n. 42 del 2 maggio 2020, che consente l’attività motoria all’aperto, con utilizzo delle mascherine, anche lontano dalle proprie abitazioni, quindi anche nei pressi del cimitero comunale volendo. Insomma, il Sindaco Lombardi ha sbagliato sotto ogni punto di vista, e farebbe bene a rivedere il testo annunciato della propria ordinanza, prima di pubblicarla, proprio “allo scopo di rispettare le normative vigenti”, come ha scritto nel suo comunicato su facebook.


🔴 RIAPERTURA CIMITERO COMUNALE del comune di Calvi Risorta Post da facebook del sindaco Giovanni Lombardi 🔴

Si informa la cittadinanza che da lunedì 4/5/2020 fino a domenica 17/5/2020 il Cimitero Comunale, mediante apposita Ordinanza del Sindaco, riaprirà dal lunedì al sabato (unico giorno di chiusura settimanale domenica) dalle 8:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 19:00.
Allo scopo di rispettare le normative vigenti, l’ingresso al Cimitero sarà regolamentato con il seguente schema:

1) per i cittadini residenti nella frazione di PETRULO e Calvi Vecchia: lunedì e giovedì.

2) per i cittadini residenti nella frazione di ZUNI e Demanio di Calvi: martedì e venerdì.

3) per i cittadini residenti nella frazione di VISCIANO: mercoledì e sabato.

Si sottolinea che:
1) l’ingresso è consentito esclusivamente ai cittadini residenti nel comune di Calvi Risorta.
2) mascherina e guanti sono obbligatori.
3) all’interno non potranno sostare più di 30 persone e per il tempo strettamente necessario.
4) nel caso di maggiore affluenza, bisogna attendere il proprio turno all’interno dei propri autoveicoli.
5) in nessun caso è consentita alcuna forma di assembramento.

Si confida nella massima collaborazione della cittadinanza sia per il rispetto delle misure di tutela della pubblica incolumità che per la manutenzione di questo luogo sacro su cui è stata appena completata un’azione di accurata manutenzione.



Post su facebook del sindaco di Piagnato Maggiore Giorgio Magliocca


✅ APERTURA STRAORDINARIA CIMITERO

In accordo con il delegato Cesare Cuccaro, in considerazione del nuovo DPCM che consente l'apertura dal 4 maggio dei parchi, nel cui significato vanno considerati anche i parchi cimiteriali, per evitare che in tale giorno si possano creare forti ed incontrollabili assembramenti, si #anticipa l'apertura del camposanto con le seguenti modalità:

È consentita la visita ai defunti dalle ore 8 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 18

✅ il #1maggio per i nuclei familiari che vanno dalla lettera A alla lettera D di colui che un tempo era considerato capo famiglia;

✅ il #2maggio per i nuclei familiari che vanno dalla lettera E alla lettera M;

✅ il #3maggio per i nuclei familiari che vanno dalla lettera N alla lettera Z;

✅ dal #4maggio al #10maggio tutti i nuclei familiari come da DPCM

⭕ #11maggio il cimitero rimarrà chiuso per essere riaperto il #12maggio

⭕ È obbligatorio l'utilizzo di mascherine, guanti e il rispetto del distanziamento interpersonale di 2 metri

⭕ i controlli verranno effettuati dal personale di polizia locale che presiederà la struttura


03/05/2020 11:57:19   87.1.88.102 - Vito Taffuri