Politica:
Calvi Risorta: L’amministrazione Lombardi perde la guerra e abbandona le trincee. Chiesto il secondo dissesto finanziario.

L’AMMINISTRAZIONE LOMBARDI PERDE LA GUERRA E ABBANDONA LE TRINCEE. CHIESTO IL SECONDO DISSESTO FINANZIARIO.

Calvi Risorta: Ci perviene il seguente bollettino di guerra: “La guerra contro coloro che non l’avevano votato (praticamente i due terzi della popolazione) portata avanti con fede incrollabile e assai discutibile valore, che il valoroso condottiero Giovannino Lombardi ha condotto per tre lunghissimi e inutili anni, è persa. L’esercito lombardiano è annientato, dimostrando lo sfacelo totale di fatti e idee. I resti di quella che subito apparve una delle amministrazioni più bugiarde, presuntuose, altezzose e inutili amministrazioni comunali, risale in disordine e senza speranza le valli dell’oblio che avevano sceso con orgogliosa sicurezza. Quella che si era autodefinita come la migliore amministrazione mai avuta da Calvi Risorta in tutti i suoi tempi, si è liquefatta di fronte a responsabilità veramente insormontabili per una Giunta priva di qualità e di concretezza”. Così, cari concittadini, il diciotto di questo mese in un consiglio comunale che si preannuncia drammatico, al Punto 11 dell’ordine del giorno verrà richiesta l'approvazione della dichiarazione di dissesto finanziario. Avete letto bene: il dissento finanziario del Comune! Come farai ora, caro Giovannino, ad addossare responsabilità alle amministrazioni precedenti di Caparco e di Marrocco? Questo secondo dissesto ti appartiene totalmente (come il primo, del resto) ed è tutto merito di chi ha amministrato nel periodo dal 2016 al 2019, quali che siano le scuse e le giustificazioni che tenterai di dare alla cittadinanza. Per mesi e mesi Lombardi ci ha fatto una testa come un pallone con i suoi comunicati in cui annunciava trionfalmente la rinascita della cittadina, grazie al riequilibrio ottenuto. Equilibrio fittizio, come si è drammaticamente rivelato, tanto da non lasciare altra soluzione che la dichiarazione di dissesto finanziario. Dopo più di 3 anni questa amministrazione non è riuscita a quantificare la massa passiva del primo dissesto. Né è riuscita ad approvare lo straccio di un’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato, che potesse in qualche modo garantire la solidità finanziaria del comune. Dopo il primo regalo, eccone un secondo dell’amministrazione Lombardi: un secondo dissesto atto a dover accogliere (e pagare) un altro organo straordinario di liquidazione. Inizierà una nuova telenovela per l'approvazione dell'ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato per le annualità 2020-2022. Assisteremo nuovamente ai via vai degli amministratori al Ministero dell'Interno, che non capiamo come abbia potuto validare un bilancio che oggi ci conduce al secondo dissesto. Leggeremo nuovi post del sindaco Lombardi che ci annuncia che Calvi Risorta ha davanti a sé un'era di prosperità, grazie alla sua bravura! Per favore, abbiate pietà di noi, ma soprattutto di voi e risparmiateci queste pantomime. La soluzione per il bene di Calvi Risorta, se davvero amate il paese come dite, ve la diamo noi. Prendete atto dell'incapacità di gestire i conti del comune e non rimanete attaccati alle vostre poltrone e alle vostre indennità. Mandate deserta la seduta del 18. Così la Prefettura scioglierà il consiglio comunale il 20 febbraio prossimo, per andare al voto il 31 maggio. Tutto ciò che potrà venire, non potrà certo essere peggio di voi e di quello che il paese ha vissuto in questi anni di buio medioevo.

12/02/2020 21:55:42   80.181.176.43 - Vito Taffuri