Politica:
Calvi Risorta: BILANCIO 2019 SFORATO. UN ALTRO PASTICCIO TARGATO LOMBARDI.

BILANCIO 2019 SFORATO. UN ALTRO PASTICCIO TARGATO LOMBARDI.

Calvi Risorta: Un pasticcio dietro l’altro! Questo è il risultato della gestione amministrativo-contabile della giunta Lombardi. Quando un segretario comunale arriva ad affermare che l’ufficio ragioneria non è in grado di sapere se una fattura è stata già liquidata o meno, o quando, probabilmente per le stesse ragioni, vengono liquidate due volte le medesime fatture al Consorzio Res (già Consorzio Sinergie), o infine quando si impiegano più di due anni per ottenere un semplice nulla osta da parte del Ministero dell’Interno sul bilancio riequilibrato, ogni ulteriore commento diventa superfluo. E proprio in merito al bilancio riequilibrato, che dovrà essere definitivamente approvato da qui ad un mese circa, l’amministrazione Lombardi si rende protagonista di altri obbrobri contabili. L’ipotesi di bilancio validata con osservazioni e riserve da parte della commissione ministeriale, dovrà infatti essere integralmente riproposta ed approvata dal consiglio comunale con un nuovo passaggio in aula. Ma proprio quegli stanziamenti che dovrebbero fare da guida nell’ordinaria gestione amministrativo-contabile del comune, sono già stati disattesi e sforati. Prendiamo ad esempio le spese per incarichi legali. Con le determine 68, 75, 85, 89 e 123 del 2019, sono stati affidati incarichi ed impegnate spese per 26.097,26, a fronte di uno stanziamento nell’ipotesi di bilancio riequilibrati di 19.999,00 €! Passiamo agli incarichi conferiti ai due supporti tecnici, gli ingegneri De Biasio e Cappello, con le determine 5, 32, 133 e 143 del 2019, per complessivi € 25.779,20, a fronte di uno stanziamento nell’ipotesi di bilancio riequilibrato di 10.000,00 €! Per la manutenzione della rete fognaria abbiamo uno stanziamento di appena 3.000,00 €, ma con determina 177 è stato già assunto un impegno di 13.000,00 €! Così come a fronte di uno stanziamento di spesa nullo per l’assistente sociale, viene conferito un in carico di 3.000,00 €, con determina 29/2019, alla dott.ssa Delle Fave. Tra software e incarichi vari inerenti attività di bilancio (determine 43, 179, 189 e 190/2019), la spesa impegnata ammonta già a 18.272,74 €, ma lo stanziamento del sofferto bilancio partorito da questa giunta è di soli 7.570,00 €! In base al decreto sindacale prot. 11344 del 5/11/2018, la spesa annuale per il responsabile finanziario ammonterebbe a 17.275,04 €, ma lo stanziamento previsto è di 10.000,00 €! Nullo è anche lo stanziamento per l’assicurazione per responsabilità civile, eppure è stato assunto già un impegno di 476,78 € ), con determina 17/2019. Con determina 196/2019, invece, vengono affidate alla ditta Maciariello da Sparanise dei lavori di manutenzione ordinaria degli edifici scolastici, per complessivi 25.967,70 €. Peccato che lo stanziamento di bilancio sia di appena 5.000,00 €! Sul fronte delle entrate desta invece preoccupazione la determina 180 del 8/8/2019, con la quale è stata affidata la gestione del cimitero comunale per i prossimi tre anni, compresa l’illuminazione votiva. L’affidamento prevede un aggio di 8.100,00 € da corrispondere al comune per i prossimi tre anni (€ 2.700,00 l’anno), da incassare anticipatamente nel 2019. Il problema è che lo stanziamento di bilancio prevede 21.000,00 € per ognuna delle annualità dal 2016 al 2020, ma è dal 2015 che non vi è più un appalto. Quindi vi sono 105.000,00 € di stanziamenti di entrata per illuminazione votiva, previsti nel bilancio riequilibrato 2016/2020 (cioè 21.000,00 € per 5 anni), a fronte di appena 8.100,00 € spettanti con potenziali danni erariali da accertare! Aggiungiamoci pure il mancato stanziamento degli aggi di riscossione dovuti alla “Publiservizi s.r.l.” per oltre 100.000,00 €, abbiamo così un'idea precisa di quale valore abbia questo bilancio di prossima approvazione. Quello che non si comprende è come il responsabile finanziario possa esprimere dei pareri favorevoli di copertura finanziaria della spesa, sulle varie determine che abbiamo puntualmente indicato, laddove vi siano evidenti sforamenti degli stanziamenti di spesa. Il Sindaco il dott. Giovanni Lombardi, ovviamente dorme a sonni pieni oppure preferisce fare lo "gnorri". Ma questi sono numeri e non possono essere smentiti, per cui ci aspettiamo una sua presa di posizione seria nei confronti degli uffici comunali, non i soliti comunicati di propaganda su facebook, suoi o dei suoi assessori. Perché la situazione illustrata, unitamente ai 2,5 milioni di € di fatture per spese correnti inevase, maturate dal 2016 ad oggi, rischia di portarci dritti ad un secondo dissesto…e non sarebbe proprio un atto d’amore nei confronti di Calvi Risorta.




08/09/2019 21:21:28   87.18.152.23 - Vito Taffuri