Politica: Rifiuti
Calvi Risorta:                      RIFIUTI, AL CONSORZIO GLI SI GUASTA ANCHE L’AUTO-COMPATTATORE E UTILIZZA I MEZZI, INADEGUATI, DEL COMUNE

RIFIUTI, AL CONSORZIO GLI SI GUASTA ANCHE L’AUTO-COMPATTATORE E UTILIZZA I MEZZI, INADEGUATI, DEL COMUNE

Calvi Risorta: Se per caso sta ridotta come il Consorzio quest’anno si corre il rischio che la Befana a Calvi arrivi a bordo di un mezzo del Comune e non della solita scopa. Vediamo perché. Lo stato organizzativo, economico e finanziario nel quale versa il consorzio che gestisce (anzi, dovrebbe gestire) il ciclo dei rifiuti, raccolta-trasporto e smaltimento, è ben noto.

Quello che nessuno poteva mai immaginare e che, malgrado la pioggia di miliardi che gli arriva dai molti Comuni paganti, parte della quale (la pioggia di miliardi) è subito trasformata in favolosi stipendi per manager o presunti tali (che razza di manager può essere un essere che conduce alla rovina la propria azienda?) si è ridotto a possedere così pochi mezzi di lavoro da bloccare la raccolta al primo guasto.

LA PROVA ECONOMICA E FINANZIARIA

La prova delle nostre affermazioni blindate e antiquerela? Il caso di Calvi Risorta dove, da quello che hanno visto gli occhi di un nostro affidabile informatore, il consorzio ha preso in prestito un camioncino del Comune avendo spedito a riparare il suo ormai mezzo scassato. Ci saranno dei costi, delle spese che sicuramente l’ente locale provvederà a detrarre dalla cifra che ogni mese versa (o dovrebbe versare) al consorzio stesso, ma non è questo il punto. Non è questo il problema.

LA QUESTIONE SANITARIA

La questione è quel mezzo del comune, ritratto nella foto che pubblichiamo, non ci pare affatto adatto ad operare la raccolta dell’indifferenziato: basta un sacchetto contenente dell’umido (avanzi di alimenti, frutta, verdura) perché coli attraverso le sponde del camioncino tanto di quel lurido percolato per rendere l’operazione subito assolutamente inaccettabile dal punto di vista sanitario e legale.

LA PROVA FOTOGRAFICA

E da quello che si nota nella fotografia, su quel camioncino del comune (acquistato per i lavori di manutenzione) c’è proprio di tutto, dalle buste dei rifiuti al cartone, passando per chissà cos’altro. La cosa andrebbe accertata da parte dei sanitari dell’Asl. E anche da parte dei vigili urbani di Calvi. Lo faranno di sicuro, noi aspettiamo fiduciosi la risposta. Risposta che non ci arriverà, se non per vie traverse. A noi basterà controllare anche domani l’operato del camioncino del Comune per capire come vanno le cose e se avevamo o meno ragione noi a sollevare il cosiddetto ‘dubbio giornalistico’.

LA SCOPERTA DELL’UOVO DI COLOMBO

Certo è che se i responsabili commerciali del consorzio avrebbero potuto legalmente utilizzare camioncini come quello messo a disposizione dal Comune di calvi (mezzo assolutamente non a tenuta…) si sarebbero guardati bene dall’acquistare i cosiddetti Gasoloni che costano molto di più e sono molto più lenti e meno capienti. La cosa vale anche per i mezzi più grossi. Certo è che se lo strappo alla regola, sancito dal comune gestito da Antonio Caparco, si rivelerà una cosa legalmente ammissibile il consorzio potrebbe anche decidere di buttare via gasoloni, auto-compattatori e squali.

A proposito di vigili e sanitari. Sarebbe bello e consolante anche sapere, ma noi già ci contiamo, che alla fine dell’uso improprio del camioncino qualcuno accertasse anche come e dove viene parcheggiato e in che condizioni, dopo quale opera di sanificazione, sarà di nuovo riconsegnato ai legittimi utilizzatori comunali.

A proposito: mentre il camioncino per la manutenzione è tra le mani di quelli del consorzio: chi e con quale mezzo si provvede a fare manutenzione al verde pubblico e agli altri beni pubblici? Noi conosciamo anche la risposta a questa domanda ma ci piace pensare che anche i consiglieri di opposizione sul comune di Calvi si pongano ogni tanto certe domande e si mettano all’opera per cercare le risposte. Altrimenti sarebbe giusto che il oro gettone di presenza andasse al nostro sito e non a loro, non vi pare?






Ecco la delibera:



SETTORE TECNICO
Registro generale 826
Data registro generale
Oggetto
Impegno di spesa ed affidamento lavori per riparazione automezzo Consorzio Unico di Bacino. Ditta DIESELTECNICA s.r.l. da Castel Volturno (CE).
Data inizio pubblicazione 28/12/2010






PREMESSO CHE
- Il Consorzio Unico di Bacino delle Province di Napoli e Caserta – Articolazione CE - , con nota prot. n. 8805 del 23/12/2010, acquisita al protocollo del Comune in pari data al n. 18814 , in riferimento ad accordi intercorsi in merito alla riparazione di un automezzo tg. BH 680 EZ per il quale il Comune ha manifestato la volontà di anticipare la spesa, autorizzava la ditta DIESELTECNICA srl ad effettuare la riparazione dell’automezzo ed il Comune ad anticipare la spesa e a decurtare la relativa somma;
TUTTO CIO’ PREMESSO:
- sulla base del preventivo di spesa della ditta DIESEL TECNICA srl – Via Domiziana Km 34+500 – CASTEL VOLTURNO, prodotto in allegato alla nota richiamata, ritenuto congruo, si è stimata una spesa totale di € 4.000,00, inclusa IVA al 20%, per la esecuzione dei lavori occorrenti compresa la fornitura del materiale:
DESCRIZIONE
Balestre complete di balestrino
Grapponi
Batteria
Portapedaliera
Pinza freno ant sx
Serie pasticche ant.
Filtroolio
Filtro gasolio
Olio motore urania daily 5W30
manodopera

Accertata la disponibilità finanziaria sull’int. cod. 1.09.05.03 cap. 1270 del bilancio c.e.f. – gestione competenza;
DETERMINA
per i motivi esposti in narrativa:

1. di impegnare l’importo di € 4.000,00 Iva inclusa al 20%, necessari per la esecuzione dei lavori di riparazione dell’automezzo in premessa descritti , con imputazione della somma sull’int. cod. 1.09.05.03 cap. 1270 del bilancio c.e.f. – gestione competenza;
2. di affidare la esecuzione dei lavori alla ditta DIESEL TECNICA srl – Via Domiziana Km 34+500 – CASTEL VOLTURNO;
3. dare atto che la liquidazione avverrà a seguito di produzione della documentazione fiscale da parte della ditta incaricata;
4. dare atto, altresì, che la predetta somma di € 4.000,00 verrà recuperata detraendo una somma equivalente dai pagamenti che devono effettuarsi nei confronti del CONSORZIO UNICO DI BACINO delle Province di Napoli e Caserta, per il servizio di raccolta e trasporto degli rsu svolto per conto del Comune;
5. trasmettere copia della presente al Sindaco, al segretario comunale, all’Ufficio Segreteria, all’Ufficio di Ragioneria, al Responsabile dell’Albo.






05/01/2011 15:53:06   95.252.113.147 - Vito Taffuri