Il Weblog online della citt di Calvi Risorta
Cronaca:

FRANCESCO ZAGARIA “CICCIO E’ BREZZA” PARLA DA BOSS: “SU UN FOGLIO HO SCRITTO DI PIERO CAPPELLO, ATTUALMENTE RESPONSABILE DELL’UFFICIO TECNICO DI CALVI RISORTA, E DEL SINDACO CENNAME E DEL PARCHEGGIO LUSERTA E DI QUELLO DI CASERTA”

Caserta- Calvi Risorta: Francesco Zagaria “Ciccio e’ Brezza” parla da boss: “Su un foglio ho scritto di Piero Cappello, attualmente responsabile dell’ufficio tecnico di Calvi Risorta, e del sindaco Cenname e del parcheggio Luserta e di quello di Caserta”

Caserta- Calvi Risorta: Ora spunta anche il documento-polizza di Francesco “Ciccio ‘e Brezza” Zagaria. Vero o falso che sia, è sicuramente uno che trova un certo piacere nel raccontarsi come persona di rilievo all’interno del clan dei Casalesi. Raccontarsi e rivelarsi. Perché su 50 pentiti sparsi tra le varie fazioni, tra quelle degli Schiavone, quella di Iovine O’Ninno e quella di Zagaria, nessuno aveva fatto il suo nome come elemento di spicco del clan. E invece lui lo era, o almeno dice di esserlo stato, per cui un boss o un semi-boss che si rispetti non può non avere un documento segreto con nomi eccellenti e cifre di danaro, da far affiorare, ad opera di qualche fidatissima, in caso di “morte o arresto“. Abbiamo scritto e ragionato molto su Ciccio e’ Brezza in questi mesi e l’abbiamo fatto con colleghe e colleghi di provata esperienza e ancor più cospicua esperienza storica sulla materia camorristica e dei Zagaria. Abbiamo anche speso tanta energia e tanto inchiostro sulle perplessità derivate dalle propalazioni di questo pentito. Magari ci siamo sbagliati e se arriverà questa dimostrazione non avremo alcun problema nel riconoscerlo. Al momento non c’è ancora e dunque questo elenco di nomi lo trattiamo più come un feticcio, un’altra modalità-simbolo che appartiene alla storia della camorra e rispetto alla quale chi si appaga nel raccontarsi boss è molto facile che si riconosca. Ed è anche molto facile che tale feticcio esponga come marchio di criminalità. I nomi che c’erano su questo foglio di Zagaria erano diversi, tra i più conosciuti quello di Piero Cappello, attualmente responsabile dell’ufficio tecnico del comune di Calvi Risorta ed ex presidente di quell’altro sfigatissimo consorzio pubblico che chiamano ASI Caserta, e quello dell’ex sindaco di Camigliano, poi dirigente all’Ufficio Tecnico di Casal di Principe, Vincenzo Cenname e l’ingegnere di Casapulla Vitelli. I due, dichiara Ciccio e’ Brezza, avrebbero preso mazzette per alcuni lavori, riteniamo edili. Zagaria parla anche di alcuni presunti investimenti: 390 mila euro, profitto dalle slot del gioco d’azzardo, utilizzati per il parcheggio di piazza Vanvitelli, a Caserta, che, manco a dirlo, si trova ad un passo da quel palazzo che un tempo ospitò lo storico ristorante La Leccese e che è stato al centro di decine di nostri articoli dedicati a chi quell’edificio aveva acquistato e stava ristrutturando, quel Mimmo Pagano, arrestato proprio per effetto dell’ordinanza che contiene queste dichiarazioni di Zagaria. L’altra area ugualmente molto nota è quella del parcheggio Luserta a Santa Maria Capua Vetere, che la proprietà ha sempre fittato, l’ultima volta 3/4 anni fa. Si trova a 50 metri dal tribunale ed è quello più utilizzato dagli avvocati e dal personale che operano nel palazzo di giustizia sammaritano. Per il parcheggio Luserta, Zagaria avrebbe dato a Franco Sparago 54 mila euro, secondo quanto racconta il pentito. A pensarci bene, perché vanno dette anche le cose che possono fornire credibilità a ciò che Ciccio e’ Brezza racconta, questi due parcheggi (Caserta e Luserta) hanno avuto un destino comune, che traccia una strada che arriva proprio nei pressi di Santa Maria Capua Vetere, non proprio a Santa Maria, ma nei pressi. La presunta mazzetta a favore di Cenname e Cappello riguarderebbe un lavoro al comune di Camigliano, di cui, come detto, Cenname è stato sindaco.


24/02/2021 18:35:22   87.7.152.208 - www.casertace.net

Stampa articolo


News correlate all'argomento
BASTA CON LA VECCHIA POLITICA, DIAMOGLI UN CALCIO NEL SEDERE LIBERIAMO CALVI RISORTA PER IL BENE COMUNE
Chi sbaglia deve essere onesto, quantomeno con se stesso, e
Calvi Risorta: Tari, scoppia la protesta. La cittadinanza sospende i pagamenti e avvia una assemblea in piazza
Fioccano le cartelle della Tari, la tassa dei rifiuti e con
TERRIBILE INCIDENTE. Donna 47enne si ribalta con l’auto mentre raggiunge la sua famiglia per il pranzo di Natale. Corsa all’ospedale
Una donna di Alife, S.G., 47 anni, è rimasta vittima, questa
PREMIO LEGALITA’ E SICUREZZA 2015: A SPARANISE IL BOOM DI PRESENZE IN UNA SALA GREMITA IN OGNI ORDINE DI POSTO.
Un enorme successo in termini di pubblico e partecipazione a
PREMIO LEGALITA’ 2015 AL GENERALE SERGIO COSTA, AL COMANDANTE VINCENZO GATTA, AL GIORNALISTA SALVATORE MINIERI E A LUCA ABETE PER IL LORO IMPEGNO A SALVAGUARDIA DELLA SALUTE PUBBLICA NEL SEGNO DELLA LOTTA ALLE ECOMAFIE
Premio Nazionale Legalità e Sicurezza Pubblica in Campania e
La classe III C della scuola secondaria “Cales” vince il 1° premio del concorso nazionale “Diventare cittadini europei”
L’8 maggio 2015, scorso nella Sala degli Specchi della Reggi
MARROCCO RICORDA I CADUTI CALENI, INTERVENUTI I GIOVANI DELLE SCUOLE CALENE
L’amministrazione Civica capeggiata dal Sindaco Giovanni Mar
MENA CARANCI SI DISSOCIA DALLE DICHIARAZIONI FATTE DAI COMPONENTI DELLA LISTA
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Mena Caranc
SARA’ PREMIATO E RICORDATO IL CACCIATORE DEI LATANTI DELLA SEZIONE CATTURANTI DELLA QUESTURA DI PALERMO, MARIO BIGNONE
Mario Bignone era il capo della Catturandi della Questura di
Tutto pronto per il Premio Nazionale Legalità “Città di Calvi Risorta”
Conto alla rovescia. Mancano solo 16 giorni all’evento piu’
Calvirisortanews.it è tutelato dalle leggi sul Copyright © 2006-2008 accesso riservato