Il Weblog online della cittŕ di Calvi Risorta
Politica:

IL RIPRISTINO DEL BANCO ALIMENTARE E’ UNA PRESA IN GIRO PER LE FAMIGLIE CALENE

Calvi Risorta: IL RIPRISTINO DEL BANCO ALIMENTARE E’ UNA PRESA IN GIRO PER LE FAMIGLIE CALENE

Calvi Risorta: Nella tarda mattinata del 7/11/2019, il Sindaco di Calvi Risorta, dott. Giovanni Rosario Lombardi, pubblicava un post sul proprio profilo facebook, congiuntamente all’assessore alle politiche sociali, dottoressa Rosy Caparco. I due amministratori annunciavano che con la delibera di giunta n. 74, adottata solo poche ore prima, era stato ripristinato il servizio del banco alimentare per le famiglie indigenti del comune di Calvi Risorta.

Nel classico stile di comunicazione targato Lombardi, la cosa veniva presentata come un successo politico che ha quasi del miracoloso, frutto di chissà quale opera di scienza da parte dell’assessore Caparco e del Sindaco Lombardi. L’assessore Caparco, in particolare, afferma testualmente: “non solo abbiamo restituito alla popolazione un servizio di grande significato etico e sociale ma lo abbiamo fatto con un risparmio per le casse comunali mai adottato fino ad ora dalle precedenti amministrazioni”. Si cita infatti un risparmio di circa 15.000,00 € annui.

Il tandem Lombardi/Caparco definisce deprecabile il ruolo dell’opposizione e di calvirisortanews, il cui editore viene aggettivato come uno “sgrammaticato urlatore di piazza”. La colpa per entrambi sarebbe quella di aver gridato allo scandalo nel momento in cui il banco alimentare, erogato ininterrottamente dal 2012, è stato sospeso nel 2019 dalla giunta Lombardi.

Sindaco Lombardi, assessore Caparco, sapete cosa ci fa incazzare di più dei vostri comunicati, compreso quest’ultimo? E’ il fatto di credere che il popolo caleno sia composto da quasi 6.000 cretini, 6.000 boccaloni pronti ad applaudire alle fesserie che ci propinate da 28 mesi a questa parte. Ancora una volta, infatti, avete perso una buona occasione per tacere e vi diciamo anche il perché, smentendovi con i numeri e con i documenti ufficiali.

Punto primo: il banco alimentare non è stato sospeso, come affermate nel vostro comunicato, ma è stato soppresso dalla giunta Lombardi, per l’intero anno 2019. E lo avete fatto senza che ci fosse alcuna ragione finanziaria legata al dissesto, perché a fronte di un risparmio di 20.000,00 €, avete ripristinato le vostre indennità di funzione, che ci costano 65.000,00 € l’anno. Avete dunque deliberatamente soppresso quello che, lo stesso assessore Rosy Caparco, definisce un “servizio di grande significato etico e sociale”. Avete cioè optato per il benessere di 5 famiglie, quelle del Sindaco e dei suoi assessori, a discapito di quello di centinaia di famiglie indigenti, con un aggravio netto di spese sul bilancio di 45.000,00 €.

Punto secondo: Affermate che il ripristino è avvenuto “con un risparmio per le casse comunali mai adottato fino ad ora dalle precedenti amministrazioni”, pari ad € 15.000,00. Anzitutto non potevate più rivolgervi ai precedenti erogatori del servizio, perché la vostra amministrazione non li ha mai pagati, tanto che il comune è stato oggetto di due diffide legali.

Il nuovo gestore costa al comune 5.900,00 €, a fronte dei 20.000,00 € del precedente gestore, con un risparmio sulla carta di 14.100,00 €. Ci sarebbe da farvi un plauso, ma solo a parità di condizioni con il servizio soppresso nel 2019.

Vediamo allora cosa avete approvato. Il vostro protocollo di intesa prevede che possano beneficiare dell’iniziativa soltanto 100 famiglie, a fronte delle oltre 400 servite con le amministrazioni Caparco e Marrocco. Il vostro protocollo prevede l’erogazione dei pacchi per 11 mesi l’anno e non più per 12, come accadeva in precedenza.

Il vostro protocollo prevede la possibilitĂ  di erogare cibo anche oltre la data di scadenza riportata sulla confezione degli stessi, circostanza assolutamente esclusa in precedenza.
Il succo di tutto ciò è il seguente:

• 400 famiglie hanno definitivamente perso il pacco per l’anno 2019;
• oltre 300 famiglie rimarranno escluse dall’iniziativa, pur avendone beneficiato negli anni passati;
• le 100 famiglie fortunate riceveranno il pacco per soli 11 mesi;
• all’interno dello stesso potranno trovare anche prodotti per i quali è stata superata la data di scadenza indicata;
• il costo del vostro protocollo, a parità di condizioni con il precedente, sarebbe stato di quasi 26.000,00 € e non di 20.000,00 €!

Punto terzo: Questo contentino in favore di quello che voi considerate “il popolo bue”, formato da cretini e boccaloni, viene ripristinato, per il solo anno 2020. Viene fatto senza che vi sia la necessaria previsione di spesa nel bilancio riequilibrato per l’anno 2020. E viene fatto solo perché il sottoscritto “sgrammaticato urlatore di piazza”, cara assessore ragazzina Rosy Caparco, ha raccolto le istanze delle famiglie indigenti, che hanno avuto il terrore di protestare apertamente dopo la scandalosa soppressione del banco alimentare. Abbiamo condotto in questi mesi, per loro conto, una battaglia a mezzo stampa e solo così, dopo decine di articoli e dirette facebook, avete deciso di fare qualcosa. Peccato che, come al solito, la vostra iniziativa sia soltanto fumo negli occhi. Smettetela di prendere in giro i caleni. Sono più intelligenti di quanto voi crediate.




07/11/2019 22:36:49   95.247.174.6 - Vito Taffuri

Stampa articolo


News correlate all'argomento
BASTA CON LA VECCHIA POLITICA, DIAMOGLI UN CALCIO NEL SEDERE LIBERIAMO CALVI RISORTA PER IL BENE COMUNE
Chi sbaglia deve essere onesto, quantomeno con se stesso, e
Calvi Risorta: Tari, scoppia la protesta. La cittadinanza sospende i pagamenti e avvia una assemblea in piazza
Fioccano le cartelle della Tari, la tassa dei rifiuti e con
TERRIBILE INCIDENTE. Donna 47enne si ribalta con l’auto mentre raggiunge la sua famiglia per il pranzo di Natale. Corsa all’ospedale
Una donna di Alife, S.G., 47 anni, è rimasta vittima, questa
PREMIO LEGALITA’ E SICUREZZA 2015: A SPARANISE IL BOOM DI PRESENZE IN UNA SALA GREMITA IN OGNI ORDINE DI POSTO.
Un enorme successo in termini di pubblico e partecipazione a
PREMIO LEGALITA’ 2015 AL GENERALE SERGIO COSTA, AL COMANDANTE VINCENZO GATTA, AL GIORNALISTA SALVATORE MINIERI E A LUCA ABETE PER IL LORO IMPEGNO A SALVAGUARDIA DELLA SALUTE PUBBLICA NEL SEGNO DELLA LOTTA ALLE ECOMAFIE
Premio Nazionale LegalitĂ  e Sicurezza Pubblica in Campania e
La classe III C della scuola secondaria “Cales” vince il 1° premio del concorso nazionale “Diventare cittadini europei”
L’8 maggio 2015, scorso nella Sala degli Specchi della Reggi
MARROCCO RICORDA I CADUTI CALENI, INTERVENUTI I GIOVANI DELLE SCUOLE CALENE
L’amministrazione Civica capeggiata dal Sindaco Giovanni Mar
MENA CARANCI SI DISSOCIA DALLE DICHIARAZIONI FATTE DAI COMPONENTI DELLA LISTA
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Mena Caranc
SARA’ PREMIATO E RICORDATO IL CACCIATORE DEI LATANTI DELLA SEZIONE CATTURANTI DELLA QUESTURA DI PALERMO, MARIO BIGNONE
Mario Bignone era il capo della Catturandi della Questura di
Tutto pronto per il Premio Nazionale Legalità “Città di Calvi Risorta”
Conto alla rovescia. Mancano solo 16 giorni all’evento piu’
Calvirisortanews.it è tutelato dalle leggi sul Copyright © 2006-2008 accesso riservato