Il Weblog online della cittŕ di Calvi Risorta
Eventi:

IL COMUNE DI ROMA TOGLIE ALLA CARITAS LE MONETINE GETTATE NELLA FONTANA DI TREVI. PD CONTRO RAGGI

Roma :   Il Comune di Roma toglie alla Caritas le monetine gettate nella Fontana di Trevi. Pd contro Raggi

Roma : Le monetine gettate dentro Fontana di Trevi continueranno ad essere gestite dalla Caritas fino a fine marzo, poi da inizio aprile entrerà in vigore un nuovo sistema di impiego che il Campidoglio sta ancora affinando. Il tesoretto delle monetine - stimato in oltre 1 milione di euro all’anno - dovrebbe essere impiegato in parte per finanziare progetti sociali, in parte per la manutenzione del patrimonio culturale cittadino. Si punta, innanzitutto, a strutturare un sistema di conteggio delle monete che turisti e romani lanciano tradizionalmente nella prestigiosa fontana come buon auspicio.A ottobre 2017 una memoria di giunta aveva stabilito di «internalizzare» la gestione delle monete in capo al Comune per destinarle a iniziative benefiche. Lo stesso Campidoglio aveva poi deciso di prorogare l’attuale sistema per tutto il 2018 per definire il nuovo meccanismo. Che, però, al momento non è ancora stato definito nei dettagli. Per cui un’altra memoria di giunta, questa volta datata 28 dicembre 2018, ha prorogato per altri tre mesi la gestione dei soldi da parte della Caritas, posticipando il cambiamento al mese di aprile. Si starebbe ragionando, tra le altre cose, sulla possibilità di lasciare alla Caritas la gestione degli introiti da destinare a progetti sociali specifici, ma anche su quella di includere altre realtà per potenziare ad esempio l’accoglienza dei senza fissa dimora. La memoria di giunta individua in Acea «il soggetto da incaricare» per il prelievo delle monete e prospetta questa soluzione: «Il ricavato della raccolta dovrà essere destinato, al netto di quanto necessario alla copertura delle spese dell’addendum contrattuale con la società Acea, in misura prevalente al finanziamento di progetti sociali e per la restante parte alla manutenzione ordinaria del patrimonio culturale». Dalla Caritas diocesana di Roma, il direttore don Benoni Ambarus dice a Radio Vaticana Italia di aver «appreso ovviamente con una certa preoccupazione questa notizia», sperando di «poter continuare a dire grazie ai milioni di turisti che in questi anni hanno creato una marea di solidarietà con le loro monetine» e poter proseguire «questa nostra azione di solidarietà». «C’è tutto il nostro desiderio - aggiunge - di continuare la collaborazione con l’amministrazione capitolina anche per la gestione delle monetine. Ricordiamoci che ci è stata consegnata semplicemente perché alla fine si è sempre creduto in tutti questi anni nell’azione significativa di solidarietà sociale che la Caritas ha svolto, che tutta la Chiesa di Roma ha svolto. Quindi c’è tutta la nostra disponibilità a continuare a collaborare e la speranza che possiamo essere riconosciuti ancora come agenti di bene “nascosto”». Intanto Avvenire, il giornale della Cei, sintetizza così la novità: «In concreto, per la Caritas diocesana vorrà dire un taglio secco di un milione e mezzo di euro. Una decisione che porterà a ridurre o chiudere molti servizi per i più poveri. Con prevedibili ripercussioni sul clima sociale della città».Forte la critica mossa alla giunta guidata da Vriginia Raggi da parte del consigliere regionale del Pd Michela Di Biase che ricorda come «nel nome della legalità verranno sottratte risorse preziose per interventi a favore dei senzatetto e a iniziative benefiche che sempre più spesso colmano mancanze del sistema welfare cittadino. In nome della legalità i dipartimenti di Roma Capitale sono fermi da oltre due anni, incapaci di concludere gare e mandare a bando i servizi essenziali della città. Per la legalità la giunta Raggi toglie ai poveri per non restituire a nessuno, ma semmai togliere a tutti, e sempre un po’ di più. Anche di umanità». Pioggia di critiche nei confronti della Raggi anche sui social, dove si è aperto il consueto dibattito.

12/01/2019 21:10:15   79.12.33.103 - www.lastampa.it

Stampa articolo


News correlate all'argomento
BASTA CON LA VECCHIA POLITICA, DIAMOGLI UN CALCIO NEL SEDERE LIBERIAMO CALVI RISORTA PER IL BENE COMUNE
Chi sbaglia deve essere onesto, quantomeno con se stesso, e
Calvi Risorta: Tari, scoppia la protesta. La cittadinanza sospende i pagamenti e avvia una assemblea in piazza
Fioccano le cartelle della Tari, la tassa dei rifiuti e con
TERRIBILE INCIDENTE. Donna 47enne si ribalta con l’auto mentre raggiunge la sua famiglia per il pranzo di Natale. Corsa all’ospedale
Una donna di Alife, S.G., 47 anni, è rimasta vittima, questa
PREMIO LEGALITA’ E SICUREZZA 2015: A SPARANISE IL BOOM DI PRESENZE IN UNA SALA GREMITA IN OGNI ORDINE DI POSTO.
Un enorme successo in termini di pubblico e partecipazione a
PREMIO LEGALITA’ 2015 AL GENERALE SERGIO COSTA, AL COMANDANTE VINCENZO GATTA, AL GIORNALISTA SALVATORE MINIERI E A LUCA ABETE PER IL LORO IMPEGNO A SALVAGUARDIA DELLA SALUTE PUBBLICA NEL SEGNO DELLA LOTTA ALLE ECOMAFIE
Premio Nazionale LegalitĂ  e Sicurezza Pubblica in Campania e
La classe III C della scuola secondaria “Cales” vince il 1° premio del concorso nazionale “Diventare cittadini europei”
L’8 maggio 2015, scorso nella Sala degli Specchi della Reggi
MARROCCO RICORDA I CADUTI CALENI, INTERVENUTI I GIOVANI DELLE SCUOLE CALENE
L’amministrazione Civica capeggiata dal Sindaco Giovanni Mar
MENA CARANCI SI DISSOCIA DALLE DICHIARAZIONI FATTE DAI COMPONENTI DELLA LISTA
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Mena Caranc
SARA’ PREMIATO E RICORDATO IL CACCIATORE DEI LATANTI DELLA SEZIONE CATTURANTI DELLA QUESTURA DI PALERMO, MARIO BIGNONE
Mario Bignone era il capo della Catturandi della Questura di
Tutto pronto per il Premio Nazionale Legalità “Città di Calvi Risorta”
Conto alla rovescia. Mancano solo 16 giorni all’evento piu’
Calvirisortanews.it è tutelato dalle leggi sul Copyright © 2006-2008 accesso riservato