Il Weblog online della città di Calvi Risorta
Attualità: rifiuti

NOVE DEPUTATI E 11 CONSIGLIERI REGIONALI DOMANI A PIGNATARO CONTRO DISCARICA

Pignataro Maggiore: NOVE DEPUTATI E 11 CONSIGLIERI REGIONALI DOMANI A PIGNATARO CONTRO DISCARICA

Pignataro Maggiore:
Si terrà domani sabato 15 dicembre alle 14.30 il maxi Consiglio sui terreni dell'Arianova a Pignataro Maggiore. La convocazione della grande Assise congiunta, che ingloba la sinergia di ben 10 comuni del casertano, si è resa necessaria dopo la reiterazione del decreto di presa di possesso dei terreni a sud di Pignataro, da parte del commissario regionale per l'emergenza rifiuti, Alessandro Pansa.

Hanno aderito all'iniziativa i parlamentari Pierino Squeglia, Rosa Suppa, Gennaro Coronella, l'ex ministro Mario Landolfi, il sottosegretario alla pubblica istruzione Gaetano Pascarella, Nicola Cosentino , Americo Porfidia e Domenico Zinzi. Il Consiglio Regionale della Campania sarà presente con Gennaro Oliviero, Angelo Brancaccio, Giuseppe Stellato, Massimo Grimaldi , Angelo Polverino, Nicola Ferraro, Nicola Caputo, Giuseppe Sagliocco e Paolo Romano.

Più di centocinquanta consiglieri comunali prenderanno parte alla grande manifestazione di sabato, voluta dal coordinatore dei comitati ambientali, il professor Raimondo Cuccaro. Intento di tutte le autorità politiche ed istituzionali sarà la stesura di un documento unitario che i parlamentari porteranno direttamente sul tavolo di Romano Prodi e del ministro per le Politiche Agricole, Alfonso Pecoraro Scanio.

Il ministro salernitano sarà invitato, la prossima settimana, a Pignataro Maggiore per una seconda grande manifestazione di protesta che, questa volta, vede il fronte anti discarica, arricchirsi della presenza dei Comuni di Carinola e di Capua.

L'Assise straordinaria sarà aperta dalle relazioni dei professori Franco Ortolani, ordinario di geologia e direttore del dipartimento di pianificazione e scienze del territorio, Corrado Buondonno, già ordinario di geopedologia della facoltà di Agraria di Portici e di Andrea Buondonno, ordinario di pedologia dell'Università di Napoli, dipartimento di Scienze Ambientali.

Dopo l'Assise si procederà alla formazione di un drappello di occupazione permanente del sito individuato da Pansa per la realizzazione di una discarica. Il caso Torre dell'Ortello di Pignataro Maggiore assume, quindi, rilevanza nazionale, approdando direttamente nell'agenda del premier Romano Prodi.


Intervento senatore Novi
Il senatore Emiddio Novi, di Forza Italia, in un'interrogazione al presidente del Consiglio ed al ministro dell'Interno, contesta la decisione del prefetto Alessandro Pansa, commissario per l'emergenza rifiuti in Campania, di procedere all'utilizzazione di un terreno di Pignataro Maggiore quale discarica di rifiuti per la provincia di Caserta. Nell'interrogazione si ricorda che l'assessore regionale ai lavori pubblici Enzo De Luca ha inviato nel 2006, prima alla Protezione civile e poi direttamente al commissariato di Governo per l'emergenza rifiuti, "un voluminoso dossier con le indicazioni delle cave esistenti e dismesse della regione Campania. Ebbene, delle 124 cave individuate risulta alquanto difficile credere che nessuna delle cave dismesse possa avere quelle caratteristiche atte a essere sede di stoccaggio rifiuti". "Peraltro - sottolinea Novi - la Regione Campania ha approvato una legge per riparare colline ferite dalla sempre più caotica attività estrattiva; il territorio di Pignataro rischia di subire oltre al danno anche la beffa. Infatti per tanti anni ha dovuto subire l'influenza di una nota famiglia camorrista, legata peraltro ai Nuvoletta di Napoli e perciò alla mafia siciliana, ed ora che la legalità era stata ripristinata e lo Stato aveva trionfato, si vuole insediare una discarica che rischia di compromettere l'intero ecosistema locale". "Nella zona - sottolinea Novi - sono localizzate infatti aziende che producono prodotti D.O.P. e I.G.P. come la mozzarella di bufala campana e la mela annurca nonché ortaggi vari. Tali prodotti, esportati in tutto il mondo, rischierebbero di non essere più venduti e di non poter rientrare nei canoni dei propri disciplinari, altresì provocando danni alla salute; da indagini idrogeologiche risulta che la falda acquifera scorre a poche decine di centimetri dal piano di campagna con la conseguenza che la contaminazione inevitabile delle falde riguarderebbe l'acqua delle zone del basso Volturno creando un disastro ambientale di proporzioni non calcolabili".


15/12/2007 00:41:09   217.200.200.53 - Vito Taffuri

Stampa articolo


News correlate all'argomento
LA FORESTALE INDAGA SUI RIFIUTI INTERRATI, NUOVI RISVOLTI
Rifiuti interrati, nell’ex area Pozzi, la questione arriva s
L’AGRO CALENO AGGREDITO DAGLI INCIVILI, RIFIUTI OVUNQUE
E' sempre più emergenza ambientale nell'area archeologica di
Assolto l’architetto De Biasio, per non aver commesso il fatto, resta solo l’amarezza
Quattro assoluzioni e due condanne per le irregolarità nella
Fate ridere! Le auto di Terra di Lavoro Spa senza assicurazione andrebbero tutte sequestrate
Il 31 dicembre sono scadute e forse quegli scienziati che la
DEBITI PER OLTRE DUECENTO CINQUANTA MILA EURO, L’0PPOSIZIONE CHIEDE LO SCIOGLIMENTO DELLA GIUNTA CAPARCO
Il comune di Calvi Risorta, dall’inizio dell’anno ha accumul
RIFIUTI, AL CONSORZIO GLI SI GUASTA ANCHE L’AUTO-COMPATTATORE E UTILIZZA I MEZZI, INADEGUATI, DEL COMUNE
Se per caso sta ridotta come il Consorzio quest’anno si cor
DIFFERENZIAMOCI - CONFERENZA SUL PROBLEMA RIFIUTI A CALVI RISORTA
Distruggere o riciclare? Che risultati ha dato l'inceneritor
Scandalo: i camion dell'immondizia nascosti dietro la polivalente. Un capolavoro di inquinamento
Quando eravamo bambini, nascondevamo i giocattoli da qualche
Rifiuti fermi per sciopero dipendenti anche a Calvi Risorta
Non si hanno notizie certe sulla durata della agitazione sin
PARTE LA BONIFICA DEL PARCO ARCHEOLOGICO: LA COMMISSIONE TECNICA PROVINCIALE IN VISITA A CALES. TUTTO PRONTO PER LE OPERAZIONI DI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE
Oltre dieci discariche, due delle quali zeppe di materiale t
Calvirisortanews.it è tutelato dalle leggi sul Copyright © 2006-2008 accesso riservato