Il Weblog online della cittŕ di Calvi Risorta
Cronaca:

LACCI DI BRACCONIERI NEI BOSCHI DI CALVI RISORTA PER CATTURARE CINGHIALI E LUPI

Calvi Risorta: Lacci di bracconieri nei boschi di Calvi Risorta per catturare cinghiali e lupi

Calvi Risorta: Nella giornata d'ieri, un cercatore di funghi, si e ritrovato davanti un laccio per la cattura illegale sia per i cinghiali che, per i lupi lanciati qualche anno fa dalla Regione Campania, per contrastare la forte presenza di cinghiali sul territorio dell’agro caleno. Lacci e trappole di bracconieri nascoste ai confini dei boschi tra Calvi Risorta e Rocchetta e Croce. Fili di corde e metallo che non soltanto uccidono, letteralmente torturandoli, i poveri animali selvatici, che muoiono tra atroci sofferenze, ma che possono essere pericolosi anche per l’uomo e soprattutto per i cani da caccia, che se incappano in questi artifici, sono anche loro costretti a una fine terribile, dolorosissima. Eppure la caccia al cinghiale ancora non e aperta, e nonostante tutto alcune squadre di bracconieri, sprovvisti addirittura di porto darmi, oppure dei requisiti minimi, cacciano i cinghiali tutto l'anno utilizzando sistemi illegali come il laccio di acciaio, e magari posizionandoli anche nelle ore notturne, in modo di non essere scoperti. Insomma, violando ogni forma di legge pur di abbattere i cinghiali ma, facendolo con metodi certamente non consentiti dalle normative venatorie, in vigore. In tutto questo gli squadroni della morte, sono composti anche più delle volte, anche da appartenenti alle forze dell’ordine, imprenditori, qualche nulla facente e addirittura professionisti insospettabili. Certo se la notizia fosse confermata allora è molto grave. Nella caccia al cinghiale però ci sono anche squadre locali, che la esercitano rispettando ogni forma di legge, e senza mettere in atto questi vergognosi e illegali sistemi di cattura. Per ovvi motivi non citiamo, i nomi dei cacciatori che ci raccontano a microfono spento che, addirittura i bracconieri macellano gli animali, senza rispettare alcuna norma igienica- sanitaria, magari utilizzando garage, giardini, e cantine, pur di non far scoprire la loro attività venatoria illegale, altrimenti potrebbero riceve dispetti addirittura con l’avvelenamento dei cani, come già successo in passato. Come sembra, il territorio dell’agro caleno, e tartassato per la posa dei lacci di acciaio, per la cattura dei cinghiali, addirittura vengono posti anche lungo alcuni terreni privati, a rischio che, potrebbero restare feriti i proprietari dei terreni, che in loro insaputa vengono posizionati i lacci della morte. Si tratta di veri professionisti del campo, in quanto come sembra riescono a catturare tra i tre e i cinque cinghiali a settimana. Una vera strage di cinghiali, che vengono venduti sul mercato nero, e dove gli acquirenti sono allo scuro sicuramente della loro provenienza. Purtroppo nelle trappole ci acchiappa di tutto oltre i cinghiali, speriamo che il corpo dei carabinieri forestali metta fine a tutto questo.

11/09/2018 09:12:54   79.35.152.61 - Vito Taffuri

Stampa articolo


News correlate all'argomento
BASTA CON LA VECCHIA POLITICA, DIAMOGLI UN CALCIO NEL SEDERE LIBERIAMO CALVI RISORTA PER IL BENE COMUNE
Chi sbaglia deve essere onesto, quantomeno con se stesso, e
Calvi Risorta: Tari, scoppia la protesta. La cittadinanza sospende i pagamenti e avvia una assemblea in piazza
Fioccano le cartelle della Tari, la tassa dei rifiuti e con
TERRIBILE INCIDENTE. Donna 47enne si ribalta con l’auto mentre raggiunge la sua famiglia per il pranzo di Natale. Corsa all’ospedale
Una donna di Alife, S.G., 47 anni, è rimasta vittima, questa
PREMIO LEGALITA’ E SICUREZZA 2015: A SPARANISE IL BOOM DI PRESENZE IN UNA SALA GREMITA IN OGNI ORDINE DI POSTO.
Un enorme successo in termini di pubblico e partecipazione a
PREMIO LEGALITA’ 2015 AL GENERALE SERGIO COSTA, AL COMANDANTE VINCENZO GATTA, AL GIORNALISTA SALVATORE MINIERI E A LUCA ABETE PER IL LORO IMPEGNO A SALVAGUARDIA DELLA SALUTE PUBBLICA NEL SEGNO DELLA LOTTA ALLE ECOMAFIE
Premio Nazionale LegalitĂ  e Sicurezza Pubblica in Campania e
La classe III C della scuola secondaria “Cales” vince il 1° premio del concorso nazionale “Diventare cittadini europei”
L’8 maggio 2015, scorso nella Sala degli Specchi della Reggi
MARROCCO RICORDA I CADUTI CALENI, INTERVENUTI I GIOVANI DELLE SCUOLE CALENE
L’amministrazione Civica capeggiata dal Sindaco Giovanni Mar
MENA CARANCI SI DISSOCIA DALLE DICHIARAZIONI FATTE DAI COMPONENTI DELLA LISTA
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Mena Caranc
SARA’ PREMIATO E RICORDATO IL CACCIATORE DEI LATANTI DELLA SEZIONE CATTURANTI DELLA QUESTURA DI PALERMO, MARIO BIGNONE
Mario Bignone era il capo della Catturandi della Questura di
Tutto pronto per il Premio Nazionale Legalità “Città di Calvi Risorta”
Conto alla rovescia. Mancano solo 16 giorni all’evento piu’
Calvirisortanews.it è tutelato dalle leggi sul Copyright © 2006-2008 accesso riservato